A Dangerous Method

A Dangerous Method

A Dangerous Method

A Dangerous Method di David Cronenberg con Viggo Mortensen (Sigmund Freud), Keira Knightley (Sabina Spielrein), Michael Fassbender (Carl Gustav Jung), Vincent Cassel (Otto Gross) e Sarah Gadon (Emma Jung). David Cronenberg dirige, questa volta, un film in costume. In Europa nei due decenni che precedono lo scoppio della grande guerra nasce la psicanalisi. Sigmund Freud teorizza per primo la terapia delle parole e Carl Gustav Jung, sempre per primo, la applica sul campo per curare l’isteria di una colta ragazza russa: Sabina Spielrein. La nuova terapia ottiene la piena guarigione della ragazza ma con un inaspettato effetto collaterale. Jung si innamora della sua paziente. Sposato e con la moglie incinta, Jung controlla le sue pulsioni e respinge delicatamente le avances della Spielrein ma l’incontro con Otto Gross (un irriconoscibile Vincent Cassel) lo convince a dare libero sfogo alla passione ed inizia allora a cornificare la moglie. Due azioni inappropriate in un colpo solo: il rapporto medico-paziente che prende una piega non consona alla deontologia professionale e la moglie, consapevole fin dall’inizio, che viene tradita per anni. Sabina Spielrein mostra gradatamente attitudini molto particolari e, una volta guarita, accetta di diventare – oltre che amante – anche assistente del Dott. Jung. Spinta da lui a frequentare l’università, si laureerà e diventerà lei stessa una psichiatra. Due menti così affini come quelle di Jung e Freud sentono di doversi confrontare anche personalmente ed è così che si incontrano a tu per tu iniziando una collaborazione che sfocerà, man mano, anche in una competizione a distanza. Non c’è dubbio che immaginare e tradurre in immagini il rapporto tra i due padri della psicanalisi sia un’operazione non priva di fascino. Cronenberg ha ricostruito il periodo storico in questione (primi del 1900) con cura e dovizia di particolari. Gli interpreti sono, dal canto loro, perfettamente in parte. Il risultato finale è molto attraente.

Voto: 7

I commenti sono chiusi.