Django Unchained – La nostra recensione

Django Unchained

Django Unchained di Quentin Tarantino con Jamie Foxx, Christoph Waltz, Leonardo DiCaprio, Samuel L. Jackson, Kerry Washington, Franco Nero, Jonah Hill, Quentin Tarantino, Don Johnson, James Remar. Django Unchained è esattamente ciò che ci si poteva attendere dal Tarantino di oggi. Le aspettative sono tutte confermate. La lucida follia e il genio artistico del regista del Tennessee ricreano il “western” nel perfetto stile italiano anni sessanta. La violenza cruda del film originale diretto da Sergio Corbucci viene riproposta in salsa pulp ed elevata all’ennesima potenza. L’amore di Tarantino per i dettagli truculenti e sanguinari trova nel filone western il veicolo migliore che si potesse immaginare. Se gli arti amputati abbondavano nei due capitoli di Kill Bill, così anche in Django Unchained i corpi maciullati dai proiettili rimbombano scena per scena nell’arco dei 160 minuti di film. Waltz è un cacciatore di taglie che si spaccia per dentista, facendosi chiamare Dott. Schultz. Foxx è Django ovvero uno schiavo negro liberato proprio da Schultz. I due formeranno una strana coppia, disassortita ma organizzata. Dapprima andranno in caccia di taglie per poi proseguire con la ricerca di Broomhilda (moglie di Django), tenuta schiava dal perfido negriero Calvin Candie (un Leonardo DiCaprio cattivissimo). I canoni del classico western sono a dir poco stravolti: un cacciatore di taglie tedesco accompagnato da un ex-schiavo di colore divenuto a sua volta un lesto pistolero. Un film interpretabile come ennesimo elogio della vendetta. Il condimento di musiche (anche di Ennio Morricone), inquadrature in primissimo piano (Sergio Leone docet) e scenografie imponenti aggiungono valore ad una storia epica ed appassionante. Le fugaci apparizioni di Franco Nero e dello stesso regista imperlano un western sui generis che sovverte i classici canoni di sempre. Un puro distillato dei crismi cinematografici amati dal pazzo genio di Quentin Tarantino.

Voto:

I commenti sono chiusi.