Hereafter

Hereafter

Hereafter diretto da Clint Eastwood con Matt Damon, Cécile de France e Bryce Dallas Howard. Tre destini intrecciati: una giornalista francese (Cécile de France) che scampa per miracolo allo tsunami del 2004 non prima di avere sperimentato la fase cosiddetta di pre-morte; un bambino a Londra che perde prematuramente suo fratello gemello; un sensitivo americano (Matt Damon) che vive come una condanna anziché come un dono la facoltà di contattare i parenti defunti delle persone a cui sfiora le mani. Queste tre storie si intersecano e permettono al grande vecchio Clint Eastwood di assemblare un’opera emozionante, ponendo una domanda non da poco: cosa c’è dopo la morte? L’approccio è laico e risposte non se ne danno. Eastwood dà, per l’ennesima volta, prova della sua sensibilità mostrando – ancora – un’innata abilità a trasmettere emozioni. Non cade mai nel patetico né nel retorico e costringe lo spettatore a riflettere su un tema di assoluto interesse. Con Million Dollar Baby, Mystic River, Gran Torino e non solo, Clint Eastwood ha messo sul piatto temi caldi come: l’amicizia, l’amore in senso lato, le fragilità umane, la morte. Qui si va ancora oltre cercando di spostare lo sguardo sul dopo. Chi ama il cinema di Eastwood regista non può assolutamente perdere questo tenero e profondo racconto.

Voto: 7+

I commenti sono chiusi.