Crea sito

Il Primo Re


Brutali, sporchi, selvaggi, seminudi. È così che Matteo Rovere immagina i latini nel 753 a.c. ovvero quando Romolo (Alessio Lapice) e Remo (Alessandro Borghi) mettevano le basi per fondare Roma. Il primo Re è un film truce, crudo, cruento, sincero. Il latino arcaico è la lingua prescelta. Il parlato (ovviamente accompagnato da sottotitoli), la fotografia suggestiva, l’ambientazione selvaggia e l’afflato arcaico ci conducono profondamente nella civiltà di tremila anni fa. Un film coraggioso che scommette e vince. La potenza sprigionata dalle immagini, dall’uso delle luci e dalle interpretazioni crea un “unicum” che non si riuscirà a dimenticare. Non è un semplice film, ma una completa esperienza cinematografica.

Lascia un commento