Lo Hobbit – La desolazione di Smaug

Lo Hobbit – La desolazione di Smaug (The Hobbit: The Desolation of Smaug). Regia: Peter Jackson. Cast: Ian McKellen, Martin Freeman, Richard Armitage, Orlando Bloom, Evangeline Lilly, Lee Pace, Luke Evans, Stephen Fry, Ken Stott, James Nesbitt, Manu Bennett, Jed Brophy, Adam Brown, John Callen, Aidan Turner, Robert Kazinsky, Graham McTavish, Stephen Hunter, Mark Hadlow, Peter Hambleton, Andy Serkis, Christopher Lee, Sylvester McCoy, William Kircher, Ryan Gage, Mikael Persbrandt, Conan Stevens.

Lo Hobbit - La desolazione di Smaug

Lo Hobbit – La desolazione di Smaug

L’idillio di Peter Jackson con J.R.R. Tolkien continua anche con Lo Hobbit – la desolazione di Smaug. Il regista neozelandese non smentisce se stesso e compone un’altro episodio dell’epica avventura fantasy utilizzando sempre gli stessi espedienti visivo-narrativi che hanno caratterizzato gli altri film della saga “anellocentrica”. Percorrendo la traccia indicata dal libro d’origine, seguiamo i tredici nani in viaggio verso il loro monte perduto di Erebor, accompagnati dal giovane Bilbo Baggins portatore dell’anello. Un tesoro ineguagliabile è custodito nelle viscere della montagna solitaria alla cui protezione si è saldamente stabilito il terribile drago Smaug. La mano di Peter Jackson (come regista e co-sceneggiatore) è inconfondibilmente riconoscibile grazie ai soliti espedienti scenici come le tipiche panoramiche vertiginose, i divertissement prolungati che indugiano a lungo sulla efficace goffaggine nanica e la fotografia che vira di volta in volta su tinte differenti, sottolineando i diversi momenti più o meno drammatici. Sono volutamente infiniti i riferimenti e collegamenti a tutti gli altri episodi de Lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli. Anche i difetti dell’architettura generale sono identici a quelli riscontrati nel precedente Un viaggio inaspettato: prima parte lentissima ed eccessivamente dottrinale con un – troppo – lento percorso di avvicinamento alla rocambolesca pseudoconclusione. Appuntamento rinviato al dicembre 2014 per la terza ed ultima puntata che avrà come titolo: Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate.

Voto:

I commenti sono chiusi.