Skyline: la recensione

Skyline

Skyline

Skyline dei fratelli Strause con Eric Balfour, David Zayas, Scottie Thompson e Brittany Daniel. Uscito il 14 Gennaio 2011, ha incassato in Italia la somma di € 1.585.000,00. La fantascienza non è mai stata così sconclusionata. Un film molto magro sotto tutti gli aspetti artistici e discreto sotto gli aspetti tecnologici. Alieni cattivissimi stanno invadendo la terra e si scatenano divorando voracemente esseri umani e abbattendo elicotteri militari ma… con lacune intollerabili. Basti pensare che gli extraterrestri dall’avanzatissima tecnologia sono sprovvisti di semplici telecamere a sensori di calore; è sufficiente un lenzuolo alla finestra per impedire loro la vista dei protagonisti. La sceneggiatura tocca livelli inimmaginabili; il dialogo più interessante e profondo è: “come stai? Sei ferita?” oppure “abbiamo finito le lenzuola” e simili. Sono stati (male) scopiazzati parecchi film cult del passato e del presente. Per fare conto pari, anche la recitazione degli attori è tragicomica. Da dimenticare il commento sonoro e la regia. Il finale? Senza fantasia nè originalità. Una banalità generale dilagante. Salviamo solo la spettacolarità di due o tre sequenze d’azione con le astronavi aliene alle prese con i razzi dei cacciabombardieri dell’aviazione militare. Troppo poco.

Voto: 4 (sci-fi)

I commenti sono chiusi.