Ti stimo fratello

Ti Stimo Fratello

Ti Stimo Fratello

Ti Stimo Fratello è il tentativo di Giovanni Vernia di seguire la pista già tracciata da numerosi altri comici di Zelig: ottenere anche al cinema il favore riscosso sul piccolo schermo. Il discotecomane suonato Jonny Groove è alle prese con il suo inquadrato e posato fratello gemello. Naturalmente Giovanni Vernia è entrambi i personaggi ma non solo. L’eclettico cabarettista di Zelig, che nella vita è un ingegnere elettronico, ha collaborato anche alla regia, al soggetto e alla sceneggiatura (insieme a Paolo Uzzi) e alla colonna sonora (con Louis Siciliano). Nelle sale italiane incassò poco più di 2 milioni di euro. Un risultato scarso, se paragonato agli incassi del collega televisivo Checco Zalone, ma più che discreto se raffrontato con le classiche commedie, magari opere prime, uscite in primavera e con cast limitato ad un solo protagonista assoluto. Sono presenti altri nomi illustri della comicità italiana come Diego Abatantuono e Bebo Storti, ma relegati a ruoli marginali.

Voto: 6

I commenti sono chiusi.